Sul palco
Home / Nuws / Interview / Cupi come le nuvole prima di una tempesta ritornano i Fake Heroes!

Cupi come le nuvole prima di una tempesta ritornano i Fake Heroes!

Share Button

fake heroes 2015

I Fake Heroes non sono nuovi per la Numetalzine, li abbiamo lasciati qualche tempo fa con un album dalle chiare influenze numetal. Adesso ritornano con una personalità più marcata. Infatti con questo nuovo lavoro “Clouds” ci portano nel loro essere più profondo, ma vogliamo lasciare a loro la parola.

Buona lettura…

NZ: Parlateci di come è nato questo nuovo album “Clouds”.

Fake Heroes: la stesura dei nuovi brani è iniziata qualche mese dopo l’uscita del primo album. C’è stato da subito il forte desiderio di creare qualcosa di nuovo, personale e diverso dalla prima produzione. Siamo partiti da questo e la spinta decisiva c’è stata col forzato cambio di lineup che abbiamo subito all’inizio del 2014.
NZ: Quali sono le tematiche che hanno ispirato la stesura del disco?
FakeHeroes: questo album è molto introspettivo. Alcuni di noi ha regalato un pezzo della propria interiorità per la stesura dei testi e abbiamo proiettato riflessioni, pensieri, stati d’animo e considerazioni profonde sulla musica. Ci sono testi molto personali come “My Guinea” che il nostro frontman ha scritto per sua figlia, altri visionari, altri ancora astratti. Le tematiche sono tante e vi invitiamo a sviscerarle.
NZ: Musicalmente invece che strada avete preso per esprimere al meglio
quello che volete trasmettere?
Fake Heroes: il nostro sound è cambiato parecchio. Alla base numetal abbiamo aggiunto una buona dose di progressive metal e delle sfumature djent, soprattutto dal punto di vista del groove, che a nostro parere hanno fatto sì che riuscissimo a creare qualcosa di davvero personale.
NZ: Come sono cambiati i Fake Heroes dopo l’album di debutto?
FakeHeroes: i Fake Heroes sono cambiati tanto, sia nella lineup che nella forma.
La formazione è passata da 5 a 6 elementi. Mike Santoleri, il nostro nuovo batterista, aveva già preso il posto di Riccardo Ruiu all’inizio del 2014. L’ultimo cambiamento è avvenuto un paio di mesi fa: Francesco Cetrullo è stato sostituito da Francesco Gentile al basso e nello stesso periodo è stato inserito Francesco D’Amario come terza chitarra. Il tutto ci ha fatto guadagnare un grande impatto live.
Oltre che nella forma siamo cambiati anche nella sostanza: è tutto più nitido, chiaro. La direzione è certa e gli obiettivi sono ben visibili.
NZ: Quale aspetto della vostra band vi piace di più e pensate sia
anche il punto di forza.
Fake Heroes: la resa live. Pensiamo di essere davvero migliorati tanto sotto tutti i punti di vista. Oltre a questo pensiamo anche di essere maturati tanto nella scrittura e sta facendo la differenza in questo secondo disco “Clouds”.
NZ: Quali saranno i passi futuri della band?
Fake Heroes: dopo il release party del disco stiamo fissando altri live per portare in giro “Clouds” insieme ad una band di amici e grandi musicisti, i Back To Dust.
Oltre a questo cercheremo di spingere a mille sulla promozione e sull’uscita di altri 2 video (insieme ai 2 già usciti) e tenteremo una promozione live fuori dai confini nazionali.
NZ: C’è qualche appuntamento live dove potremo sentire questo nuovo lavoro?
Fake Heroes: il 5 novembre saremo al Loft128 di Pescara e a breve sveleremo altre date.
Share Button
Scroll To Top

Get Widget