Sul palco
Home / Recensioni / Near Mind, recensione: Beyond the Obvious

Near Mind, recensione: Beyond the Obvious

Share Button

coverBAND:NeaR MinD

EP: Beyond the Obvious

ANNO: 2015

DOVE LI TROVI: facebook

 

Nu metal dal sapore melodico e korniano per questo gruppo di Ptolemaida, Grecia.
Molto precisi e ritmati rilasciano un interessante ep di cinque tracce disponibile in download libero sul loro bandcamp.
Beyond The Obvious è molto piacevole, essendo un disco di nu metal ben suonato e prodotto adeguatamente. L’iniziale “ Untruth “ , scelta cone singolo, è una chiara dichiarazione d’intenti, ovvero la tempesta si manifesta subito dalle nostre casse, con un’apertura in stile Korn, maggiormente melodica rispetto agli americani. La seguente “ Scarecrow “ è sul solco della precedente, ma qui i NeaR MinD costruiscono una differente trama sonora, più a scatti, partendo da una base melodica per poi esplodere, sempre tenendo in gran conto la melodia.
La terza traccia dell’ep “ Dreaming Awake “ riporta alla luce contemporaneamente il lato melodico e quello aggressivo del genere musicale chiamato nu metal, mentre la successiva “ Inner Face “ cominciando con un intro di basso si apre poi su di un oceano di chitarre ribassate e batterie incalzanti. “ Puppet “ apre nuove possibilità per i greci, e personalmente è la traccia che mi piace di più, essendo un riassunto di ciò che sono i NeaR MinD.
Chiude “ Terror Sight “ che conferma il valore del gruppo.
Un ep decisamente positivo per un gruppo già maturo che ha ancora ampi margini di crescita, ed è già sulla strada giusta.

Massimo Argo

Share Button
Scroll To Top

Get Widget